Amazon MP3 Clips

Distintivo di Facebook

Profilo Facebook di Renato Tubere

01 aprile 2007

QUANDO DAVIDE BATTE GOLIA


Domenica 1 aprile da ricordare a lungo per i nostri Giovanissimi regionali e provinciali!
Il meraviglioso impianto delle violette di Corso Vittorio Emanuele, angolo via Cesana, ha ospitato infatti due memorabili e inattese vittorie, l’una dopo l’altra, di due gruppi spesso al centro delle polemiche per tutto l’arco della stagione.
Merito dei due bravissimi mister, Bruno Mirra e Cosimo Agnino, è di aver saputo dosare sapientemente l’uso del bastone e della carota, tanto caro al Paròn Nereo Rocco, nei confronti di ogni componente delle loro rose.
I risultati di oggi parlano chiaro! Dapprima i provinciali, sempre altalenanti nelle loro prestazioni, hanno battuto 4-2 un agguerrito avversario come il Carrara ’90 con sessanta minuti ben giocati, fatti di trame di gioco spesso brillanti se non addirittura irresistibili. Sugli scudi due sapienti invenzioni tattiche di mister Agnino: il piccolo grande Decostanzi, un po’ regista e un po’ mezza punta, e il sempre più convincente tuttofare Vitteritti. Sono due mancini naturali che hanno grandi margini di miglioramento!
Quindi il numeroso pubblico di genitori e aficionados di calcio giovanile hanno assistito all’inatteso trionfo di Davide, alias la fin qui balbettante compagine dei regionali di Mirra, contro Golia, vale a dire la corazzata Lucento, sorta dalle ceneri del vivaio granata dei tempi di Ciminelli e seconda in classifica del “tremendo” girone F.
Grazie anche all’intervento diretto del presidentissimo Riccetti e del suo braccio destro, Vanni Ferrari, le ultime due settimane sono servite a ricompattare il gruppo recuperando, si spera per sempre, alla causa delle violette ragazzi che parevano in fuga dalla realtà tanto erano negative in campo le loro prestazioni.
Risultato? 1-0 con gol rapinoso al 7° di Giancarlo “Crouch” Varvelli su lungo rinvio, spizzato a centrocampo, del portiere Daniele Piccinini. Quindi la nostra linea Maginot di undici leoni, guidati dal libero e capitano Andrea “Red” Capovilla, ha avuto la meglio sugli assalti all’arma bianca ma inutili del Lucento di mister Mollica. L’assenza del capocannoniere Edgar De Sousa non si è fatta sentire e questa vittoria, per noi tutti, è la liberazione da un incubo: la possibile perdita della categoria per noi e per gli altri gruppi più giovani di noi!
Concludo con un ringraziamento sentito a Mister Damasco e ai suoi ’94 che, a pochi minuti dall'inizio di questa gara, hanno fatto avere negli spogliatoi a Mirra e alla sua indomita truppa un bellissimo biglietto di auguri. Bel gesto questo, davvero tipico dell’ambiente Cenisia!

Nessun commento: