Amazon MP3 Clips

Distintivo di Facebook

Profilo Facebook di Renato Tubere

11 giugno 2005

ASTENSIONE, ASTENSIONE!

Inseminazione, fecondazione, crioconservazione... Comunque fecondazione artificiale. Che idee hanno le coppie che si presentano ai vari centri ostetrico-ginecologici italiani? La maggior parte, è questo fa davvero rabbrividire chi ha a cuore la vita in ogni sua manifestazione, ragiona più o meno così: il bambino non arriva? Nessun problema! Rimedierà la provetta, la tecnica.
E’ in atto da qualche anno fra uomini e donne che si definiscono moderni e che ignorano a bella posta l'istituto dell'adozione un vero e proprio consumismo della provetta. Volere un figlio per una coppia sconvolta dall’insana paura di essere sterile è come volere una crociera ai Caraibi, o il monovolume di nuova generazione.
Ma domandiamoci tutti, credenti e non: si può desiderare un figlio alla stregua di un prodotto, magari uno di quelli che gli ambientalisti più retrivi chiamerebbero OGM? Assolutamente no!
Forse che questa legge 40, di cui molti parlano senza conoscerne a fondo i contenuti, davvero non contempla a sufficienza le tecniche più avanzate per superare la sterilità di coppia?
C’è un intero articolo, il quarto, dedicato all'accesso alle tecniche, proprio perché queste vengano usate solo da chi può averne un reale beneficio, rendendo minimi i rischi per tutti.
Non esistono, a mio giudizio, i presupposti per cambiare o stravolgere la legge sulla fecondazione assistita: in realtà i suoi articoli andrebbero solo applicati correttamente dalla magistratura.
Al referendum popolare di domenica astenersi con l’obiettivo di far mancare il quorum sarà pertanto la mia unica scelta.

Nessun commento: