Amazon MP3 Clips

Distintivo di Facebook

Profilo Facebook di Renato Tubere

16 agosto 2004

LE BRAGHE DE L'INGLESE

Racconto di Roberto Stanich tratto dal bellissimo sito degli esuli istriani “http://xoomer.virgilio.it/histria/”

Co' iero picio, dopo che xe finida la guera, a Pola xe rivadi i Americani e i Inglesi, "Truppe Alleate di Occupazione " i ghe diseva. Dopo tanta fame, bombardamenti, guera, se ga scominzià a star un poco meo. Ma no iera tuto bel. Apena fora de cità iera i posti de bloco dei Druzi e per andar a Medolin o Dignan o anche a Fasana ghe se voleva la "Propusniza", come che i ciamava lori la carta de identità. Per pasar el bloco bisognava far la fila e i fazeva sgarbi. I visitava anche per veder che no se fazi contrabbando de spagnoleti e borsa nera de oio, luganighe e altre magnerie. Ma in cità se stava ben. Sti soldai gaveva soldi "Amlire" de spender, masima i Americani e la gente se rangiava. Iera però sai confusion perché 'sti Americani i se imbriagava e dopo i fazeva scagaz. Mi li vedevo quando che pasavo con mia mama per cità vecia, in Via Kandler, per andar de mia zia che la stava vizin el castel, sentadi fora dei locai con 'ste done tute piturade con el spagnoleto in boca, che mia mama me diseva sempre de no vardar e mi no capivo per cossa. Lori i beveva de tuto e, quando che i iera imbriaghi, i faceva baruffa e i se bastonava fina che no rivava quei con el elmo e la fassa sul brazo con sora scrito MP, "Military Police", che iera la sua polizia. Questi i ghe dava col manganel per la testa e lori subito i se quietava, come con una medicina e i se lassava portar in caserma. I Inglesi i beveva anche lori ma più bire e quando che i se imbriagava i iera più calmi. I rideva, i diseva monade, i cantava anche ma no i faceva scagaz come i Americani. Bon, indifferente. A noi ne gaveva scominzià a vignir per casa un Inglese, un certo John. Iera un putel cocolo, un biondin con i oci ciari, sai educado. Mia mama, povera, la zercava sempre de ciapar qualche soldo e la ghe lavava e stirava le braghe e le camise. Lui vigniva due volte la settimana, el ghe portava un per de braghe e una camisa de lavar e el se portava via la roba lavada e stirada. El iera sai contento perche mia mama la iera brava de stirar, specie le camise, senza una piega. Qualche volta el ne portava una scatola de formagio, quel gialo olandese o pacheti de butiro salà che lori i usava magnar col pan. Mio nono ghe dava de bever bicerini de trapa che lui fazeva de ginepro "smrikva" e che el diseva che iera come gin. Bon, tuto bel fina che un giorno xe sucessa una disgrazia. Intanto che mia mama la fazeva fogo in lisiera per scaldar l'acqua e far zenere, una falisca xe andada a finir propio sule braghe de l' Inglese e la ga fato un buso, groso come una moneda, apena soto del ginocio. Tragedia, mia mama iera disperada, cossa che la ghe dirà a John. La gà provà a meter un tacon sul buso ma iera tropo in vista. Mio zio, quel più giovine, che ghe piaseva sempre cior pel cul, el carigava ancora de più: "xe una roba seria, se iera un American no iera problema. Lori i xe richi, i ga tanta roba e un per de braghe de più o de meno no fa diferenza. I Inglesi inveze i xe diversi, lori i xe più strenti e i ga la roba contada ,una cava e una meti, notada sul registro del magazin. Se i rompi un per de braghe i le devi pagar". Bon, el giorno dopo riva 'sto John a ritirar la roba lavada. Mia mama lo fa sentar, la ghe ofri un bicerin e, squasi pianzendo, la ghe scominzia a contar quel che xe sucesso, che xe stada una disgrazia, che no la ga fato aposta, che, scalogna, la fallisca propio sule sue braghe doveva andar a finir. 'Sto Inglese nol capiva ben cossa che la diseva e el scominziava a preocuparse, fina a che la ghe ga fato veder le braghe brusade. Alora el se ga meso a rider e el ghe ga dito "no problem, tagliare gambe di braghe e fare shorts, braghe curte, no tropo curte, short, gnanche tropo lunghe,long, one inch, un dito sopra ginochio." Mia mama, tuta contenta de gaverla scapolada, subito la ghe ga dito che la ghe farà ela, che la taierà le braghe no tropo curte, gnanche tropo lunghe, un dito sora el ginocio e che la ghe farà una bela pieta con la machina de cusir. E cussì la ga fato e el Inglese se ga portà vie le sue braghe curte tuto contento. Un per de giorni dopo, vedemo rivar 'sto John in montura alta e con le cotole. Mia nona no lo gaveva gnanche conossù e la gaveva domandà "chi xe quela baba in montura?" E inveze iera John, che el doveva andar a sonar i pifferi ala sfilata dei militari ai giardini. Lui ne ga spiegà che nol iera propio Inglese, anche se el parlava la stessa lingua, ma prettamente Scozese e i Scozesi co' i se meti in montura alta i ga la cotola. Iera una bela cotola, lunga soto el ginocio, a quadri de colori diversi, con i plissè, propio scozzese e mia mama ga fato girar in tondo John per veder come che la ghe stava de drio. Tutintun, 'sto Scozese el fa:"look, vardè" e, ne uno ne due, el se tira su la cotola. Mia nona la se ga spaventà, "Maria Vergine" la ga dito"cossa ne vol far veder veder 'sto mato?" e subito la se ga fato el segno de la crose, pensando che, come che i diseva, i scozzesi soto le cotole no portava mudande. E inveze, indovinè cossa che el gaveva soto? Le braghe curte che ghe gaveva taià mia mama, che ghe tigniva caldo, perché sufiava bora e quele xe parti delicate. Bon, "tutto è bene quel che finisce bene" i disi. Purtropo per noi no la se finida ben. Infati, dopo un poco i Americani e i Inglesi xe andadi via e dopo un altro poco semo dovudi andar via anche noi!

Nessun commento: