Amazon MP3 Clips

Distintivo di Facebook

Profilo Facebook di Renato Tubere

14 marzo 2004

SCUOLA PUBBLICA O SEZIONE DEL VECCHIO PCI?

Mani Pulite, si sa, è un fenomeno di costume che, a dodici anni dalla sua nascita, trova pronti a celebrarne le gesta immortali molti, anzi troppi, militanti di sinistra.
Giovedì scorso a Torino il prestigioso Liceo Classico Camillo Cavour, rivendicando il diritto ad utilizzare nel migliore dei modi il famigerato “tempo pieno”, ha invitato a dibattere, unico interlocutore sul tema spinoso della giustizia, il noto PM milanese protagonista di Mani Pulite Gherardo Colombo.
Il comizio, pardon il dibattito, pare sia riuscito molto bene! La Giustizia invece ne è uscita con le ossa rotte, per merito dell’imparzialità di giudizio che contraddistingue il dinoccolato magistrato nelle sue non certo saltuarie uscite pubbliche.
Un'altra significativa fetta di gioventù sabauda, grazie alla lungimiranza da Komintern di una preside di stretta osservanza diessina, ha toccato con mano cos'è il libero scambio di idee nella scuola pubblica: un optional nelle mani dei soliti, squallidi noti!
La scuola pubblica, a Torino come altrove, è ormai diventata una caserma, anzi di più: una sezione del vecchio partito comunista italiano, quello dei tempi indimenticabili di Togliatti, Longo e Natta, dove ascoltare supinamente le opinioni dei soli amici senza mai confrontarsi con chi la pensa diversamente: chiamasi indottrinamento, questo!
Mai insinuare il tarlo pericoloso del dubbio in menti così aperte come quelle dei nostri poveri figli! Torino è la città della casa editrice Giulio Einaudi e del pensiero debole, dei picchiatori di Lotta Continua riciclatisi abilmente in ruoli di alta responsabilità senza mai aver pagato dazio per i loro crimini con le autorità competenti, dei preti operai o presunti tali, impegnati contro la Mafia e contro la Droga e perciò tutti pane, chiesa e metadone.
Ecco perché a scuola troppi blaterano di democrazia in pericolo a causa del Cavaliere Nero di Arcore: ci vorrebbe un Gesù che, come con i mercanti, li cacciasse a pedate fuori dal tempio!

Nessun commento: