Amazon MP3 Clips

Distintivo di Facebook

Profilo Facebook di Renato Tubere

30 settembre 2008

IL PRIMO SQUILLO DEL GAUCHO


Vincere un derby dà spesso al tifoso della prima squadra di calcio meneghina meravigliose sensazioni. Pensi a chi hai battuto, ai cari e incorreggibili bauscia nerazzurri di Milano. Pensi alla leggendaria presunzione dei loro dirigenti, calciatori e tifosi. Al loro nuovo mister, Josè Mourinho, uno che non ama perdere nemmeno a moscacieca con i suoi pargoli: figuriamoci la prima vera gara importante della sua nuova carriera italiana!
Ebbene, il Milan onusto di gloria, fin qui più simile a un pugile suonato da troppe battaglie sul ring che a una squadra realmente da scudetto, ha vinto e convinto. Un solo gol di scarto, scaturito al 36° su un colpo di testa imparabile del Gaucho sotto la nostra Curva Sud, non spiega a sufficenza perché abbiamo vinto noi e non loro. Da una parte s'è visto lo spirito di sacrificio della formazione di Carlo Ancelotti, dall'altra l'esagerata confidenza nei propri mezzi dei cugini sconfitti.
Ibra e i suoi avevano l'aria di chi, avendo vinto sa solo Iddio come tre scudetti consecutivi dopo anni di digiuno imbarazzante da giustificare per il loro blasone, è convinto di essere il più forte squadrone della terra. Nel nostro Milan invece s'annidava negli sguardi di tutti quella tigna di chi è abituato da anni, ormai, ad affrontare fior d'avversari nelle sfide all'OK Corrall come le tante semifinali e finali di Champions o d'Intercontinentale.
Seedorf, Kakà, Gattuso, Pato ma soprattutto i rinati Ronaldinho e Abbiati hanno polverizzato, in novanta minuti di fiero combattimento, le illusioni di un'altra stagione in discesa nutrite dai nostri dirimpettai. Il primo squillo italiano del Gaucho, ne sono certo, popolerà i loro incubi notturni per un pezzo!

Nessun commento: