Amazon MP3 Clips

Distintivo di Facebook

Profilo Facebook di Renato Tubere

19 settembre 2005

MILAN IN CRISI? ANCELOTTI HA GRAVI COLPE!



Le sconfitte brucianti con cui noi milanisti abbiamo chiuso la scorsa stagione hanno lasciato il segno a Milanello? Sembra proprio di sì.
Ieri a Genova abbiamo perso la prima partita in campionato contro una signora squadra, la Sampdoria, allenata in modo egregio ma con uomini e mezzi francamente inferiori ai nostri da Walter Alfredo Novellino,indimenticato ex rossonero degli Anni Ottanta.
Il suo centravanti Bonazzoli ha confessato nel dopopartita: "Sapevamo che il Milan aveva grossi problemi sui calci piazzati, ecco perché a turno ognuno di noi cercava di stare defilato".
Il centravanti, dico, non un difensore che sfrutta l'elemento sorpresa!
Questo non è che un dettaglio in una prestazione negativa che ne segue un'altra, quella col Fenerbache, salvata in extremis dalla classe immensa dei nostri unici, veri campioni: Kakà e Shevchenko.
Per inciso ieri l'altro nostro grande campione, Alessandro Nesta, si riposava in panchina: un ulteriore vantaggio di cui i lanciatissimi blucerchiati hanno sapientemente approfittato.
A centrocampo teniamo la palla con un tic e toc degno dei tempi del Barone Nils Liedholm: ma quelli erano altri tempi, oggi corrono tutti come spie, quindi ...
Quindi, con l'assillo continuo del pressing di avversari che ci conoscono ormai a memoria, una volta perso il pallone, si aprono le cateratte!
C'è sempre e solo un incontrista - Ringhio Gattuso o Massimo Ambrosini - a dover chiudere su tutti, mentre i signorini atipici - leggi l'ormai insopportabile Seedorf di questo ultimo periodo - fanno finta di rincorrere l'avversario diretto e dalla panchina qualcuno, ineffabile, grida addirittura a Kakà, a Gilardino o a Shevchenko di rientrare più spesso: da non credere!
Dallo sciagurato incontro-spareggio di campionato della scorsa stagione in poi, nessuno in Via Turati e dintorni ha compreso che i mali di questa nostra squadra risiedono principalmente nell'appagamento frustrante di un solo responsabile.
Lui è pagato per guardare negli occhi i suoi giocatori, lui è pagato per disegnare le tattiche di gioco, lui è pagato per affrontare al meglio gli avversari di giornata.
Lui in fase di mercato, alla luce dei memorabili 6 minuti di Istanbul, avrebbe dovuto imporsi con "Zio Fester" Galliani in estate esigendo nuovi difensori.
Lui infatti allena i vari Stam, Simic, Maldini e Kaladze.
Lui aveva l'obbligo di rafforzare il centrocampo che, troppe volte la scorsa stagione, è andato in sofferenza contro squadre schierate a 5 o, come il Liverpool a Istanbul, addirittura a 6.
Lui è quello che fa sempre giocare il già citato Clarence Seedorf, suo pretoriano irrinunciabile, quando la posta in gioco, come ieri, sarebbe alta.
Lui dovrebbe trarre le conseguenze di queste e di altre gravi omissioni.
Caro Carlo Ancelotti: grazie a te per le grandissime vittorie del magico biennio 2003/2004 ma, ora che hai perso il controllo dello spogliatoio, non abusare della nostra pazienza: fai le valige al più presto!
Torna piuttosto a Reggiolo e alla tua splendida azienda agricola! Altrimenti questa, invece di essere una normalissima stagione di transizione, diventerà presto un autentico calvario per te, abituale yesman di decisioni prese da altri, e soprattutto per tutti noi, rossoneri sparsi in tutto il globo terracqueo.

2 commenti:

abr - ha detto...

Più che il controllo dello spogliatoio, secondo me a Ancellotti manca la grinta e il carisma che cambia le cose nei momenti difficili.
E' un buonista, subisce il destino cinico e baro, va bene solo quando tutto gira giusto.

Mi pare chiaro che il problema del Milan è psicologico più che fisico o di classe o di capacità: nessuno si fida più di nessuno in fase di difesa (in fase di: il problema non riguarda solo i difensori), stanno tutti fermi, si guardano tra loro invece di guardare gli avversari.

Servirebbe uno capace di dare una scossa, lui invece continua a pensare che basterà una registratina ... mah.
ciao, Abr

gigi ha detto...

Ma com'è che quando guardiamo le partite ci accorgiamo che sarebbe necessario un cambio e il nostro Carletto ci arriva ad un quarto d'ora dalla fine, se ci arriva ?
Con la Roma ho visto una squadra senza la grinta necessaria a vincere un qualunque match...E non venitemi a dire che la Roma era irresistibile....!Ditemi poi come mai Dida e Stam si sono così imbrocchiti...
Secondo me è vero che abbiamo un problema psicologico, se no non si spiegano delle prestazioni così altalenanti...
Non so, forse è meglio una piccola rifondazione a cominciare dall'allenatore..ma per carità lasciamo stare il buon Donadoni...Per i nostri marpioni ci vorrebbe un clone di Capello......
ciao , gigizzo