Amazon MP3 Clips

Distintivo di Facebook

Profilo Facebook di Renato Tubere

20 settembre 2004

IL BEL PAESE

Apprendo dal settimanale “L’Espresso” che gli onorevoli italiani si sarebbero di recente aumentati lo stipendio di quasi 1.150 euro al mese.
I soliti moralisti in servizio permanente effettivo su Internet e dintorni hanno pensato bene di denunciare a tutti o quasi i possessori di una casella di posta elettronica i costi, davvero esorbitanti, della classe politica nazionale.
Lungi da me contestare le cifre di questo ladrocinio! Però bisognerebbe prima ricordarci che:

1.Siamo o non siamo il paese dell'Alitalia, di Trenitalia, di Poste Italiane, di Banca d'Italia, della cgil-cisl-uil e dei milioni di dipendenti pubblici o privati che lucrano con finti permessi o con malattie inesistenti milioni di euro ogni anno?
2.Siamo o non siamo il paese delle pensioni d'invalidità che permettono a milioni di giovani italiani (prevalentemente del Sud) in salute di rubare soldi allo Stato Italiano, alla faccia dei veri invalidi che ne avrebbero più bisogno?
3.Siamo o non siamo il paese dove vige nella più assoluta indifferenza il lavoro nero?
4.Siamo o non siamo il paese la cui magistratura è composta da bellimbusti che si fanno 2 mesi 2 di ferie pagate per poi non essere in grado di portare a termine un'indagine o un processo in tempi che siano accettabili per i cittadini e per lo Stato che li paga?
5.Ma soprattutto siamo o non siamo il paese dove il signor Carlo De Benedetti, editore proprio dell'Espresso, è riuscito a far trasformare degl'ingegneri informatici di 35-40 anni in bidelli di scuole pubbliche perché con l'Olivetti non riusciva più a pagarli (per maggiori approfondimenti, fatevi un bel viaggetto molto istruttivo a Crema)?

E allora, ecco perché ci meritiamo una classe politica (destra, centro o sinistra fa lo stesso!) così avida: è dal basso, e non dai vertici, che la corruzione della nostra povera democrazia parlamentare emerge!
E continuiamo a chiamarci “Il Bel Paese”!


Nessun commento: