Amazon MP3 Clips

Distintivo di Facebook

Profilo Facebook di Renato Tubere

25 agosto 2003

MARCOVALDO E DINTORNI

Un immenso museo a cielo aperto, gestito per� con miopia e trasandatezza: ecco l�opinione che all�estero si sono fatti dell�Italia, viste le condizioni di degrado di tanti, troppi prestigiosi beni culturali.
La cattiva gestione del personale addetto alla custodia di tali beni e l�incompetenza di amministratori e politici susseguitisi nel corso degli ultimi decenni sono all�origine dell�insufficiente valorizzazione di questo tesoro invidiatoci in tutto il mondo.
Detto questo, bisogna per� distinguere il grano dal loglio per non cadere nella facile tentazione di criticare tutto e tutti indistintamente.
Il Piemonte, ad esempio, se da un lato assiste sconsolato al finanziamento pubblico, ottenuto dalla sinistra salottiera, di eventi pseudo artistici come l�ultima rassegna di arti cinematografiche e figurative denominata Big Festival 2002 � la depravazione fatta arte, secondo il parere di una collega presente - dall�altro vanta la nascita nell�ultimo quinquennio di un polo multiculturale ai confini con la Francia.
Grazie alla lungimiranza di un politico di centrodestra, udite udite, stimato anche dall�opposizione, come Giampiero Leo, assessore regionale di F.I. all�Istruzione ed ai Beni Culturali, finanziamenti predisposti dalla Comunit� Europea come INTER-REG 1, 2 e DOC.UP valorizzano adesso la natura e le testimonianze artistiche di un�area geografica ingiustamente trascurata da critici d�arte e media: la provincia di Cuneo.
Questo territorio si contraddistingue per l�assenza di grandi industrie, poich� da sempre le attivit� economiche principali sono l�agricoltura e l�artigianato di grande qualit�.
La Provincia Granda - cos� viene chiamata dai propri abitanti, tutt�altro che remissivi di fronte alle false sirene della societ� dei consumi � ha oggi il record invidiabile della nuova occupazione.
Dei 20mila nuovi posti di lavoro creati a vario titolo nel 2002 in Piemonte, quasi un terzo sono nati qui, a dimostrazione del forte spirito imprenditoriale di questi piemontesi di frontiera.
Da qui Torino, con la crisi-FIAT che incombe come una spada di Damocle sul suo futuro, sembra lontana anni luce.
Ma soffermiamoci sul capitolo cultura: in stretta correlazione con le vicine regioni francesi della Linguadoca e della Provenza, con il territorio montano dei Pirenei a cavallo tra Francia e Spagna e con le comunit� presenti in altre regioni italiane (Liguria e Calabria) Espaci Occitan (Spazio Occitano), progetto transfrontaliero nato con INTERREG II Italia-Francia, permette a chi risiede qui di continuare ad usare la lingua d�oc.
Lo studio e la diffusione di quest�antica progenitrice dell�italiano promuove oggi attivit� turistiche, artigianali, agricole e culturali del territorio in sinergia con gli abitanti delle terre limitrofe.
In quest�area geografica, un tempo sede del glorioso Marchesato di Saluzzo, un percorso museale multimediale di nome MISTA� accompagna il turista nella visita dei numerosi monumenti � uno per tutti, lo splendido Castello della Manta, alla periferia di Saluzzo - che, dal basso Medio Evo ai nostri giorni, costellano le tranquille valli del Monviso e delle Alpi Marittime.
Ma � l�arte contemporanea il settore che meglio caratterizza il successo di questo nuovo modo di far cultura: Caraglio, cittadina di 6mila abitanti all�imbocco della suggestiva Valgrana, attira sempre pi� visitatori, soprattutto d�oltralpe, ad ammirare le splendide mostre di Marcovaldo.
Anche in questo caso INTERREG II Italia-Francia quest�associazione di volontariato ex L. 398 ha ottenuto la ristrutturazione di alcuni monumenti del XVII secolo in grave stato di abbandono, come il convento dei cappuccini ed il prestigioso Filatoio Rosso, prima sede in Italia di un�industria della seta, per farne le sedi delle sue attivit� odierne.
E� sorto cos� un produttore altamente qualificato di eventi culturali che offre lavoro a 11 dipendenti e a 45 consulenti, quasi tutti giovani, e che, grazie alla partnership con la Regione Piemonte e con le principali Fondazioni bancarie del territorio, consente oggi l�affermarsi di un nuovo turismo culturale.
Cos�, nel corso di questi ultimi due anni, Caraglio ha ospitato tra le altre la splendida mostra di dipinti, incisioni, fotografie e video di artisti moderni e contemporanei �CAMERE CON VISTA�, retrospettive dedicate a Mario Sironi, Filippo De Pisis e a Felice Casorati ed il meraviglioso TEATRO DEI SENSIBILI con le deliziose marionette dell�immaginifico Guido Ceronetti.
Un nuovo modo d�imprendere, facendo vera politica culturale, si sviluppa in questo estremo lembo nordoccidentale della penisola: l�augurio � che sia d�esempio per quegli operatori del settore che sono, o dicono di essere, vicini alle idee della Casa delle Libert�.
Che vengano, costoro, a visitare Caraglio e dintorni, per trovare nuova linfa al rilancio dell�arte e delle sue testimonianze d�incommensurabile valore colpevolmente dimenticate nella nostra amata Italia!

LINKS: www.marcovaldo.it
www.espaci-occitan.it
www.mista.it

Nessun commento: