Amazon MP3 Clips

Distintivo di Facebook

Profilo Facebook di Renato Tubere

18 febbraio 2004

CITTADINI O SUDDITI?

Una cara amica, Rosanna, mi scrive dopo aver letto il mio parallelo economico-giudiziario fra Parma e Torino.
“Cosa ne pensi dei pc che lo stato ha in mente di regalare agli anziani?” mi domanda preoccupata “Trovi anche tu abbastanza strana la futura sovvenzione statale per l’acquisto del decoder per la tv satellitare? Lo conosci anche tu chi possa guadagnare in tutto questo? Si fanno queste elargizioni e poi non ci sono i soldi per pagare gli assistenti e specialisti per handicappati? Ma in che razza di stato vivremo?” conclude giustamente scandalizzata.
Effettivamente aiutare le fasce deboli della popolazione a migliorare il proprio tenore di vita, dopo anni di promesse mai mantenute dei precedenti governi di centrosinistra, non può verificarsi a scapito della lotta alle emergenze sociali, qual è ad esempio il sostentamento dei disabili e l’assistenza alle loro sacrosante esigenze vitali.
Ci vorrebbe, cara Rosanna, una società del welfare in grado di sostituire da subito il vecchio e polveroso modello di Stato sociale, impossibile da mantenere in vita, visto l’enorme deficit italiano.
Ma se io e te continuiamo ad essere, ieri come oggi, sudditi e non cittadini …

Nessun commento: